Follow me on:

  • IMG_0796

Saranno gli ormoni che un giorno mi fanno sentire divina e quello dopo un bidè con i capelli biondi, sarà la prova costume o sarà forse che avete rotto le palle? Sono stanca stanca stanca di leggere OGNI GIORNO qualcuno che ci dice come dobbiamo essere. Personalmente mi sento vittima della società di oggi, vittima di una mentalità social che spinge sempre più verso la perfezione che un tempo era da rivista e che adesso spopola su Instagram.

Non sempre “mangiati un panino” vale per le donne molto magre, così come “fatti un’insalata” non aiuta le ragazze in sovrappeso. Combatto contro questo mio problema dal 2005, negli ultimi 12 anni ho visto decine di medici, provato decine di diete, medicinali e sport differenti. Il risultato? Sono partita da un lieve sovrappeso (6/7kg circa) e sono arrivata a un grave sovrappeso che peggiora anno dopo anno—-> dieta dopo dieta! Meno mangio più ingrasso, perché il mio stupido corpo è convinto che io abbia bisogno di accumulare e mettere da parte scorte per i periodi di magra. Qualche mese fa ho seguito tutta la trafila per la famosa operazione da “taglio dello stomaco”, ma sono stata brutalmente mandata a casa con un secco NO. Non sono abbastanza “grassa” per sottopormi all’intervento, ma lo sono per subire ripetute prese per i fondelli da parte di conoscenti o estranei.

La verità è che io mi piacevo, ho trascorso un’adolescenza in pace con il mio fisico, avevo un bel seno, una taglia che oscillava tra la 42 e la 44 (in base ai capi), ero piccola ma proporzionata. Io mi piacevo.
Poi il mio fidanzato di allora mi ha aperto gli occhi, mi ha fatto notare come fossi l’unica fidanzata (tra quelle del gruppo) a essere sovrappeso e da lì, mortificata, iniziai la mia vita fatta di pomodorini e cibo pesato, di lattuga e zucchine bollite. Sono arrivata al punto di odiare i supermercati e i soldi che venivano spesi lì dentro perché, diciamocelo, non è divertente comprare farro bollito e fesa di tacchino. Non lo è affatto!

Sono felice che l’operazione allo stomaco, alla fine, non sia andata in porto perché non ne ero a conoscenza ma aspettavo già Vittoria Luce e preferisco mettere al mondo una nuova vita, invece che continuare a maltrattare la mia.

Lo so che è banale e scontato, tutte vorremmo essere Emily Ratacosa, tutte vorremmo avere culi sodi e preoccuparci solamente della comparsa di una smagliatura o di un buchetto di cellulite. Dall’alba dei tempi ci si ispira a un modello estetico, non starò qui a dirvi ingrassate e fatevi crescere i peli sotto le ascelle, ma proverò a dirvi un’altra cosa. Siete belle! Tu non avrai un bel naso, ma guarda che gambe!
Ok non sarai una taglia 40, ma vuoi mettere le tue forme provocanti?
Non avrai gambe lunghe e toniche, ma hai un viso da Premio Oscar.

Ricordate anche che frasi come “sei magra di cosa ti lamenti?” noi aiutano, mai! Io o voi non possiamo sapere cosa passa nella mente di quella donna che magari si sente troppo bassa, magra, grassa, gobba o giunonica.
Si questo post parla di pura vanità, di estetica, di frivolezze che in certi casi però possono rovinarti la vita. Possono portarti a svenire dal caldo perché nel cuore dell’estate hai vergogna a scoprire gambe e braccia molliccie, possono portarti a non interagire con gli altri perché la tua anima è fragile ed esile tanto quanto le gambe super magre che ti reggono in piedi. Quindi oggi non parlerò di quanto noi donne possiamo esser brave, competitive, capaci, furbe, wonderwoman.

Oggi voglio solo dirCI che siamo bellissime!

Share

You might also like

Comments

  • nina

    Written on 16 giugno 2017

    … possono portarti anche a rimandare all’infinito un secondo figlio anche se lo desideri da morire perché dopo una vita di sovrappeso e poi sette di incredibile normopeso la gravidanza ti ha regalato, oltre a un figlio stupendo, anche 10 kg che col cazzo che sono spariti per magia dopo il parto anzi… e sei così terrorizzata dalle vette di peso che il tuo corpo potrebbe toccare con una seconda gestazione partendo sovrappeso che rimandi rimandi rimandi… e intanto senti a cosa stai rinunciando ma hai troppa paura… grazie di questo post. grazie di cuore!!!

    Rispondi

Leave a Reply

Continuando ad usare questo sito, acconsenti all'uso dei cookies. Altro

La confurazione dei cookies di questo sito, è impostata su "accetta". Continuando ad usare questo sito senza cambiare la configurazione dei cookies o se clicci su "accetta", acconsenti automaticamente all'uso dei cookies.

Chiudi